Spazioamico

ARCHIVIO STAMPA

PRESENTAZIONI

ATEI  e AGNOSTICI

MEMORIE

  Note in fb di  G.F.     Stalinismo e antistalinismo      L'era di Stalin          COMUNISMO       HOME

VEDI anche: L'industria della menzogna quale parte integrante della macchina di guerra dell'imperialismo Domenico Losurdo
Debord  La società dello spettacolo 

«Sotto i nostri occhi» - Cronaca di politica internazionale n°125
di Thierry Meyssan.

 

La falsa crisi dei rifugiati di Thierry Meyssan

Mentre i media europei alimentano le emozioni nel mostrare le fotografie d’un bimbo annegato e con i servizi sulle folle che attraversano i Balcani a piedi, Thierry Meyssan mostra che queste immagini sono manipolate. Di certo, servono agli interessi del capo del padronato tedesco, Ulrich Grillo, nonché alla NATO. Ma esse non fanno capire il fenomeno nel suo insieme e conducono gli europei a risposte inadatte.

Un’ondata di emozioni ha brutalmente sommerso le persone che vivono nello spazio della NATO. Improvvisamente si sono rese conto del dramma dei profughi nel Mediterraneo; una tragedia che durava da anni nella loro indifferenza permanente.

Questa inversione è dovuta alla pubblicazione d’una fotografia che mostra un bimbo annegato, derelitto su una spiaggia turca. Non importa che questa immagine sia in sé una montatura grossolana: il mare rigetta i corpi parallelamente alle onde, mai perpendicolarmente. Poco importa che essa sia stata immediatamente riprodotta in prima pagina da quasi tutti i giornali dell’area NATO in meno di due giorni. Vi è stato già detto che la stampa occidentale è libera e pluralista.

Proseguendo sulla stessa falsariga, le televisioni hanno moltiplicato i servizi concernenti l’esodo di migliaia di siriani, a piedi, attraverso i Balcani. Particolare attenzione è stata rivolta alla traversata dell’Ungheria, che dapprima ha costruito un’inutile barriera in filo spinato, poi ha moltiplicato delle decisioni contraddittorie di modo che si potesse riprendere delle moltitudini marciare lungo le ferrovie e prendere d’assalto i treni.

"Reagendo" all’emozione che hanno causato presso i loro concittadini, i dirigenti europei "sorpresi" e addolorati si tormentano su come portare aiuto a questi rifugiati. Antonio Guterres, ex presidente dell’Internazionale socialista e attuale Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, s’invita al loro dibattito perorando «la partecipazione obbligatoria di tutti gli Stati membri dell’UE. Secondo le stime preliminari, i paesi europei hanno una potenziale necessità di accrescere le opportunità di reinsediamento a 200mila posti», dichiara.

Qual è il problema reale, chi lo strumentalizza e per quale scopo?

I rifugiati del Mediterraneo

Sin dalla "primavera araba" nel 2011, il numero di persone che cercano di attraversare il Mediterraneo e di entrare nell’Unione europea è aumentato considerevolmente. È più che raddoppiato e si è innalzato nel 2014 fino a 626mila unità.

JPEG - 14.4 Kb
Flusso di migranti verso l’Unione europea (in centinaia di migliaia)
Fonte: Eurostat

Tuttavia, contrariamente a un diffuso luogo comune, non si tratta di un’onda nuova e ingestibile. Nel 1992, quando l’Unione comprendeva solo 15 dei 28 stati attuali, ne riceveva ancora di più: 672mila per 380 milioni di abitanti. Vi è quindi un notevole margine prima che i migranti possano destabilizzare l’economia europea e i suoi attuali 508 milioni di abitanti.

Questi migranti sono per più di due terzi uomini. Secondo le loro dichiarazioni, più della metà di loro sono tra i 18 ei 34 anni. In generale, non si tratta quindi di famiglie.

JPEG - 17.3 Kb
Percentuale di uomini tra i migranti entrati nell’Unione europea nel 2014.
Fonte: Eurostat

Contrariamente all’idea attualmente diffusa dai media, solo meno di un terzo sono rifugiati in fuga dalle zone di guerra: il 20% sono siriani, il 7%afghani e il 3% iracheni.

Gli altri due terzi non provengono da paesi in guerra e sono principalmente migranti economici.

In altre parole, il fenomeno delle migrazioni è solo marginalmente legato alla "primavera araba" e alle guerre. I poveri lasciano il proprio paese e cercano fortuna nei paesi ricchi in virtù dell’ordine post-coloniale e della globalizzazione. Questo fenomeno, dopo il calo avutosi nel periodo 1992-2006, ha ripreso e sta aumentando progressivamente. Attualmente rappresenta solo lo 0,12% annuo della popolazione dell’UE, ovvero - se viene gestito correttamente - non rappresenta alcun pericolo a breve termine per l’Unione.

JPEG - 46.4 Kb
Il presidente della Federazione dell’industria tedesca, Ulrich Grillo, auspica ulteriori 800mila lavoratori stranieri in Germania. Poiché gli accordi europei lo vietano e l’opinione pubblica è ostile a ciò, ha partecipato alla messa in scena della "crisi dei rifugiati" per far evolvere il quadro delle regole.

I migranti rappresentano un problema?

Questo flusso di migranti riguarda popolazioni europee, ma viene celebrato dal padronato tedesco. Nel dicembre 2014, il "capo dei capi" tedeschi Ulrich Grillo, dichiarava a DPA mascherando ipocritamente i propri interessi dietro buoni sentimenti: «Siamo da molto tempo un paese di immigrazione, e dobbiamo rimanerlo.» «In quanto paese prospero e anche per l’amore cristiano per il prossimo, il nostro paese dovrebbe permettersi di accogliere più rifugiati». E ancora: «Mi distanzio molto chiaramente dai neonazisti e dai razzisti che si radunano a Dresda e altrove.» Più seriamente: «A causa della nostra evoluzione demografica, assicuriamo la crescita e la prosperità con l’immigrazione» [1].

Questo discorso riprende i medesimi argomenti del padronato francese degli anni ’70. Oggi ancora di più, le popolazioni europee sono relativamente istruite e qualificate, mentre la stragrande maggioranza degli immigrati non lo sono e possono facilmente occupare certi tipi di posti di lavoro. A poco a poco, l’arrivo di una forza lavoro non qualificata, nell’accettare condizioni di vita inferiori a quelle degli europei, ha sollevato tensioni nel mercato del lavoro. Il padronato francese spinse a suo tempo al ricongiungimento familiare. La legge del 1976, la sua interpretazione da parte del Consiglio di Stato nel 1977 e la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo hanno largamente destabilizzato la società. Lo stesso fenomeno può essere osservato in Germania, dopo l’adozione delle stesse disposizioni con l’iscrizione, nel 2007, del ricongiungimento familiare nella legge sull’immigrazione.

Contrariamente a un diffuso luogo comune, i migranti economici non pongono alcun problema di identità in Europa, ma mancano ai loro paesi d’origine. Per contro, pongono un problema sociale in Germania, dove, a causa della particolare politica instillata da Ulrich Grillo, la classe operaia è già vittima di uno sfruttamento brutale.

Altrove, non sono i migranti economici, ma il successivo ricongiungimento familiare a porre problemi.

Chi costruisce l’immagine attuale di una "crisi dei rifugiati"?

Dall’inizio dell’anno, il passaggio dalla Turchia all’Ungheria, che costava 10.000 dollari, è sceso a 2.000 dollari a persona. Mentre certi contrabbandieri sono degli schiavisti, molti stanno semplicemente cercando di fornire un servizio a persone in difficoltà. In ogni caso, chi paga la differenza?

Inoltre, se all’inizio della guerra contro la Siria, il Qatar stampava e distribuiva agli jihadisti di al-Qa’ida dei passaporti siriani falsi in modo che potessero convincere i giornalisti atlantisti che erano «ribelli» e non mercenari stranieri, dei falsi passaporti siriani sono ora distribuiti da certi contrabbandieri ai migranti non siriani. I migranti che li accettano pensano a buon titolo che questi documenti falsi faciliteranno la loro accoglienza nella UE. In effetti, poiché gli Stati membri dell’Unione hanno chiuso le loro ambasciate in Siria - tranne la Repubblica Ceca e la Romania -, non è loro possibile verificare l’autenticità di questi passaporti.

Sei mesi fa, mi sorprendevo della cecità dei leader dell’Unione che non comprendevano la volontà degli Stati Uniti di indebolire i loro paesi, anche attraverso la «crisi dei rifugiati» [2].

Il mese scorso, la rivista Info Direkt ha affermato che secondo i servizi segreti austriaci, il passaggio in Europa dei rifugiati siriani è stato organizzato dagli Stati Uniti [3]. Questa imputazione resta da verificare, ma costituisce già un’ipotesi solida.

Inoltre, tutti questi eventi e queste manipolazioni non sarebbero gravi se gli Stati membri dell’Unione europea mettessero un termine al ricongiungimento familiare. L’unico vero problema non sarebbe allora l’ingresso dei migranti, ma il destino di coloro che muoiono lungo la rotta, attraversando il Mediterraneo. L’unica realtà che però non mobilita alcun governante europeo.

Che prepara la NATO?

Attualmente, la NATO, ossia il braccio militare internazionale degli Stati Uniti, non si è tirata indietro. Ma, secondo le sue nuove missioni, l’Alleanza atlantica si riserva la possibilità d’intervenire militarmente quando ci siano migrazioni significative.

Sapendo che solo la NATO è nota per avere la capacità di diffondere un’intossicazione informativa sulla prima pagina di tutti i quotidiani dei suoi Stati membri, è altamente probabile che sia essa a organizzare la campagna in corso. Inoltre, l’assimilazione di tutti i migranti a dei rifugiati che fuggono dalle zone di guerra e l’insistenza sulla presunta origine siriana di questi migranti suggerisce che la NATO stia preparando un’azione pubblica legata alla guerra che essa conduce segretamente contro la Siria. Thierry Meyssan
http://www.voltairenet.org/article188627.html

                                                 ****

 

L'industria della menzogna quale parte integrante della macchina di guerra dell'imperialismo


Domenico Losurdo | domenicolosurdo.blogspot.it

04/09/2013

Nella storia dell'industria della menzogna quale parte integrante dell'apparato industriale-militare dell'imperialismo il 1989 è un anno di svolta. Nicolae Ceausescu è ancora al potere in Romania. Come rovesciarlo? I mass media occidentali diffondono in modo massiccio tra la popolazione romena le informazioni e le immagini del «genocidio» consumato a Timisoara dalla polizia per l'appunto di Ceausescu.

1. I cadaveri mutilati

Cos'era avvenuto in realtà? Avvalendosi dell'analisi di Debord relativa alla «società dello spettacolo», un illustre filosofo italiano (Giorgio Agamben) ha sintetizzato in modo magistrale la vicenda di cui qui si tratta:

«Per la prima volta nella storia dell'umanità, dei cadaveri appena sepolti o allineati sui tavoli delle morgues [degli obitori] sono stati dissepolti in fretta e torturati per simulare davanti alle telecamere il genocidio che doveva legittimare il nuovo regime. Ciò che tutto il mondo vedeva in diretta come la verità vera sugli schermi televisivi, era l'assoluta non-verità; e, benché la falsificazione fosse a tratti evidente, essa era tuttavia autentificata come vera dal sistema mondiale dei media, perché fosse chiaro che il vero non era ormai che un momento del movimento necessario del falso. Così verità e falsità diventavano indiscernibili e lo spettacolo si legittimava unicamente mediante lo spettacolo.

Timisoara è, in questo senso, l'Auschwitz della società dello spettacolo: e come è stato detto che, dopo Auschwitz, è impossibile scrivere e pensare come prima, così, dopo Timisoara, non sarà più possibile guardare uno schermo televisivo nello stesso modo» (Agamben 1996, p. 67).

Il 1989 è l'anno in cui il passaggio dalla società dello spettacolo allo spettacolo come tecnica di guerra si manifestava su scala planetaria. Alcune settimane prima del colpo di Stato ovvero della «rivoluzione da Cinecittà» in Romania (Fejtö 1994, p. 263), il 17 novembre 1989 la «rivoluzione di velluto» trionfava a Praga agitando una parola d'ordine gandhiana: «Amore e Verità». In realtà, un ruolo decisivo svolgeva la diffusione della notizia falsa secondo cui uno studente era stato «brutalmente ucciso» dalla polizia. A vent'anni di distanza lo rivela, compiaciuto, «un giornalista e leader della dissidenza, Jan Urban», protagonista della manipolazione: la sua «menzogna» aveva avuto il merito di suscitare l'indignazione di massa e il crollo di un regime già pericolante (Bilefsky 2009). Qualcosa di simile avviene in Cina: l'8 aprile 1989 Hu Yaobang, segretario del PCC sino al gennaio di due anni prima, viene colto da infarto nel corso di una riunione dell'Ufficio Politico e muore una settimana dopo. Dalla folla di piazza Tienanmen il suo decesso viene collegato al duro conflitto politico emerso anche nel corso di quella riunione (Domenach, Richer 1995, p. 550); in qualche modo egli diviene la vittima del sistema che si tratta di rovesciare. In tutti e tre i casi, l'invenzione e la denuncia di un crimine sono chiamate a suscitare l'ondata di indignazione di cui il movimento di rivolta ha bisogno. Se consegue il pieno successo in Cecoslovacchia e Romania (dove il regime socialista aveva fatto seguito all'avanzata dell'Armata Rossa), questa strategia fallisce nella Repubblica popolare cinese scaturita da una grande rivoluzione nazionale e sociale. Ed ecco che tale fallimento diviene il punto di partenza di una nuova e più massiccia guerra mediatica, che è scatenata da una superpotenza la quale non tollera rivali o potenziali rivali e che è tuttora in pieno svolgimento. Resta fermo che a definire la svolta storica è in primo luogo Timisoara, «l'Auschwitz della società dello spettacolo».

2. «Reclamizzare i neonati» e il cormorano

Due anni dopo, nel 1991, interveniva la prima guerra del Golfo. Un coraggioso giornalista statunitense ha chiarito in che modo si è verificata «la vittoria del Pentagono sui media» ovvero la «colossale disfatta dei media a opera del governo degli Stati Uniti» (Macarthur 1992, pp. 208 e 22).

Nel 1991 la situazione non era facile per il Pentagono (e per la Casa Bianca). Si trattava di convincere della necessità della guerra un popolo su cui pesava ancora il ricordo del Vietnam. E allora? Accorgimenti vari riducono drasticamente la possibilità per i giornalisti di parlare direttamente coi soldati o di riferire direttamente dal fronte. Nella misura del possibile tutto dev'essere filtrato: il puzzo della morte e soprattutto il sangue, le sofferenze e le lacrime della popolazione civile non devono fare irruzione nelle case dei cittadini degli USA (e degli abitanti del mondo intero) come ai tempi della guerra del Vietnam. Ma il problema centrale e di più difficile soluzione è un altro: in che modo demonizzare l'Irak di Saddam Hussein, che ancora qualche anno prima si era reso benemerito, agli occhi degli USA, aggredendo l'Iran scaturito dalla rivoluzione islamica e antiamericana del 1979 e incline a far proseliti nel Medio Oriente. La demonizzazione sarebbe risultata tanto più efficace se al tempo stesso si fosse resa angelica la vittima. Operazione tutt'altro che agevole, e non solo per il fatto che dura o impietosa era in Kuwait la repressione di ogni forma di opposizione. C'era qualcosa di peggio. A svolgere i lavori più umili erano gli emigrati, sottoposti a una «schiavitù di fatto», e a una schiavitù di fatto che assumeva spesso forme sadiche: non suscitavano particolare emozione i casi di «serbi scaraventati giù dal terrazzo, bruciati o accecati o picchiati a morte» (Macarthur 1992, pp. 44-45).

E, tuttavia… Generosamente o favolosamente ricompensata, un'agenzia pubblicitaria trovava un rimedio a tutto. Essa denunciava il fatto che i soldati irakeni tagliavano le «orecchie» ai kuwaitiani che resistevano. Ma il colpo di teatro di questa campagna era un altro: gli invasori avevano fatto irruzione in un ospedale «rimuovendo 312 neonati dalle loro incubatrici e lasciandoli morire sul freddo pavimento dell'ospedale di Kuwait City» (Macarthur 1992, p. 54). Sbandierata ripetutamente dal presidente Bush sr., ribadita dal Congresso, avallata dalla stampa più autorevole e persino da Amnesty International, questa notizia così orripilante ma anche così circonstanziata da indicare con assoluta precisione il numero dei morti, non poteva non provocare una travolgente ondata di indignazione: Saddam era il nuovo Hitler, la guerra contro di lui era non solo necessaria ma anche urgente e coloro che a essa si opponevano o recalcitravano erano da considerare quali complici più o meno consapevoli del nuovo Hitler! La notizia era ovviamente un'invenzione sapientemente prodotta e diffusa, ma proprio per questo l'agenzia pubblicitaria aveva ben meritato il suo denaro.

La ricostruzione di questa vicenda è contenuta in un capitolo del libro qui citato dal titolo calzante: «Reclamizzare i neonati» (Selling Babies). Per la verità, a essere «reclamizzati» non furono soltanto i neonati. Proprio agli inizi delle operazioni belliche veniva diffusa in tutto il mondo l'immagine di un cormorano che affogava nel petrolio sgorgante dai pozzi fatti saltare dall'Irak. Verità o manipolazione? A provocare la catastrofe ecologica era stato Saddam? E ci sono realmente cormorani in quella regione del globo e in quella stagione dell'anno? L'ondata dell'indignazione, autentica e sapientemente manipolata, travolgeva le ultime resistenze razionali.

3. La produzione del falso, il terrorismo dell'indignazione e lo scatenamento della guerra

Facciamo un ulteriore salto in avanti di alcuni anni e giungiamo così alla dissoluzione o piuttosto, allo smembramento della Jugoslavia. Contro la Serbia, che storicamente era stata la protagonista del processo di unificazione di questo paese multietnico, nei mesi che precedono i bombardamenti veri e propri si scatenano una dopo l'altra ondate di bombardamenti multimediali. Nell'agosto del 1998, un giornalista americano e uno tedesco

«riferiscono dell'esistenza di fosse comuni con 500 cadaveri di albanesi tra cui 430 bambini nei pressi di Orahovac, dove si è duramente combattuto. La notizia è ripresa da altri giornali occidentali con grande rilievo. Ma è tutto falso, come dimostra una missione d'osservazione della Ue» (Morozzo Della Rocca 1999, p. 17).

Non per questo fa fabbrica del falso entrava in crisi. Agli inizi del 1999 i media occidentali cominciavano a tempestare l'opinione pubblica internazionale con le foto di cadaveri ammassati al fondo di un dirupo e talvolta decapitati e mutilati; le didascalie e gli articoli che accompagnavano tali immagini proclamavano che si trattava di civili albanesi inermi massacrati dai serbi. Sennonché:

«Il massacro di Racak è raccapricciante, con mutilazioni e teste mozzate. E' una scena ideale per suscitare lo sdegno dell'opinione pubblica internazionale. Qualcosa appare strano nelle modalità dell'eccidio. I serbi abitualmente uccidono senza procedere a mutilazioni [...] Come la guerra di Bosnia insegna, le denunce di efferatezze sui corpi, segni di torture, decapitazioni, sono una diffusa arma di propaganda [...] Forse non i serbi ma i guerriglieri albanesi hanno mutilato i corpi» (Morozzo Della Rocca 1999, p. 249).

O, forse, i cadaveri delle vittime di uno degli innumerevoli scontri tra gruppi armati erano stati sottoposti a un successivo trattamento, in modo da far credere a un'esecuzione a freddo e a uno scatenamento di furia bestiale, di cui era immediatamente accusato il paese che la NATO si apprestava a bombardare (Saillot 2010, pp. 11-18).

La messa in scena di Racak era solo l'apice di una campagna di disinformazione ostinata e spietata. Qualche anno prima, il bombardamento del mercato di Sarajevo aveva consentito alla NATO di ergersi a suprema istanza morale, che non poteva permettersi di lasciare impunite le «atrocità» serbe. Ai giorni nostri si può leggere persino sul «Corriere della Sera» che «fu una bomba di assai dubbia paternità a fare strage nel mercato di Sarajevo facendo scattare l'intervento NATO» (Venturini 2013). Con questo precedente alle spalle, Racak ci appare oggi come una sorta di riedizione di Timisoara, una riedizione prolungatasi per alcuni anni. E, tuttavia, anche in questo caso il successo non mancava. L'illustre filosofo che nel 1990 aveva denunciato «l'Auschwitz della società dello spettacolo» verificatasi a Timisoara cinque anni dopo si accodava al coro dominante, tuonando in modo manicheo contro «il repentino slittamento delle classi dirigenti ex comuniste nel razzismo più estremo (come in Serbia, col programma di "pulizia etnica")» (Agamben 1995, pp. 134-35). Dopo aver acutamente analizzato la tragica indiscernibilità di «verità e falsità» nell'ambito della società dello spettacolo, egli finiva col confermarla involontariamente, accogliendo in modo sbrigativo la versione (ovvero la propaganda di guerra) diffusa dal «sistema mondiale dei media», da lui precedentemente additato come fonte principale della manipolazione; dopo aver denunciato la riduzione del «vero» a «momento del movimento necessario del falso», operata dalla società dello spettacolo, egli si limitava a conferire una parvenza di profondità filosofica a questo «vero» ridotto per l'appunto a «momento del movimento necessario del falso».

Per un altro verso, un elemento della guerra contro la Jugoslavia, più che a Timisoara, ci riconduce alla prima guerra del Golfo. È il ruolo svolto dalle public relations:

«Milosevic è un uomo schivo, non ama la pubblicità, non ama mostrarsi o tenere discorsi in pubblico. Sembra che alle prime avvisaglie di disgregazione della Jugoslavia, la Ruder&Finn, compagnia di pubbliche relazioni che stava lavorando per il Kuwait nel 1991, gli si presentasse offrendo i suoi servizi. Fu congedata. Ruder&Finn venne assunta invece immediatamente dalla Croazia, dai musulmani di Bosnia e dagli albanesi del Kosovo per 17 milioni di dollari all'anno, per proteggere e incentivare l'immagine dei tre gruppi. E fece un ottimo lavoro!

James Harf, direttore di Ruder&Finn Global Public Affairs, in un'intervista [...] affermava: "Abbiamo potuto far coincidere nell'opinione pubblica serbi e nazisti [...] Noi siamo dei professionisti. abbiamo un lavoro da fare e lo facciamo. Non siamo pagati per fare la morale"» (Toschi Marazzani Visconti 1999, p. 31).

Veniamo ora alla seconda guerra del Golfo: nei primi giorni del febbraio 2003 il segretario di Stato USA, Colin Powell, mostrava alla platea del Consiglio di Sicurezza dell'ONU le immagini dei laboratori mobili per la produzione di armi chimiche e biologiche, di cui l'Irak sarebbe stato in possesso. Qualche tempo dopo il primo ministro inglese, Tony Blair, rincarava la dose: non solo Saddam aveva quelle armi, ma aveva già elaborato piani per usarle ed era in grado di attivarle «in 45 minuti». E di nuovo lo spettacolo, più ancora che preludio alla guerra, costituiva il primo atto di guerra, mettendo in guardia contro un nemico di cui il genere umano doveva assolutamente sbarazzarsi.

Ma l'arsenale delle armi della menzogna messe in atto o ponte per l'uso andava ben oltre. Al fine di «screditare il leader iracheno agli occhi del suo stesso popolo» la Cia si proponeva di «diffondere a Bagdad un filmato in cui veniva rivelato che Saddam era gay. Il video avrebbe dovuto mostrare il dittatore iracheno mentre faceva sesso con un ragazzo. "Doveva sembrare ripreso da una telecamera nascosta, come se si trattasse di una registrazione clandestina». A essere studiata era anche «l'ipotesi di interrompere le trasmissioni della televisione irachena con una finta edizione straordinaria del telegiornale contenente l'annuncio che Saddam aveva dato le dimissioni e che tutto il potere era stato preso dal suo temuto e odiato figlio Uday» (Franceschini 2010).

Se il Male dev'essere mostrato e bollato in tutto il suo orrore, il Bene deve risultare in tutto il suo fulgore. Nel dicembre 1992, i marines statunitensi sbarcavano sulla spiaggia di Mogadiscio. Per l'esattezza vi sbarcavano due volte, e la ripetizione dell'operazione non era dovuta a impreviste difficoltà militari o logistiche. Occorreva dimostrare al mondo che, prima ancora di essere un corpo militare di élite, i marines erano un'organizzazione benefica e caritatevole che riportava la speranza e il sorriso al popolo somalo devastato dalla miseria e dalla fame. La ripetizione dello sbarco-spettacolo doveva emendarlo dei suoi dettagli errati o difettosi. Un giornalista e testimone spiegava:

«Tutto quello che sta accadendo in Somalia e che avverrà nelle prossime settimane è uno show militar-diplomatico […] Una nuova epoca nella storia della politica e della guerra è cominciata davvero, nella bizzarra notte di Mogadiscio […] L' "Operazione Speranza" è stata la prima operazione militare non soltanto ripresa in diretta dalle telecamere, ma pensata, costruita e organizzata come uno show televisivo» (Zucconi 1992).

Mogadiscio era il pendant di Timisoara. A pochi anni di distanza dalla rappresentazione del Male (il comunismo che finalmente crollava) faceva seguito la rappresentazione del Bene (l'Impero americano che emergeva dal trionfo conseguito nella guerra fredda). Sono ormai chiari gli elementi costitutivi della guerra-spettacolo e del suo successo.

Riferimenti bibliografici

Giorgio Agamben 1995
Homo sacer. Il potere sovrano e la nuda vita, Einaudi, Torino

Giorgio Agamben 1996
 Mezzi senza fine. Note sulla politica, Bollati Boringhieri, Torino

Dan Bilefsky 2009
A rumor that set off the Velvet Revolution, in «International Herald Tribune» del 18 novembre, pp. 1 e 4

Jean-Luc Domenach, Philippe Richer 1995
La Chine, Seuil, Paris

François Fejtö 1994 (in collaborazione con Ewa Kulesza-Mietkowski)
La fin des démocraties populaires (1992), tr. it., di Marisa Aboaf, La fine delle democrazie popolari. L'Europa orientale dopo la rivoluzione del 1989, Mondadori, Milano

Enrico Franceschini 2010
La Cia girò un video gay per far cadere Saddam, «la Repubblica», 28 maggio, p. 23

John R. Macarthur 1992
Second Front. Censorship and Propaganda in the Gulf War, Hill and Wang, New York

Roberto Morozzo Della Rocca 1999
La via verso la guerra, in Supplemento al n. 1 (Quaderni Speciali) di «Limes. Rivista Italiana di Geopolitica», pp. 11-26

Fréderic Saillot 2010
Racak. De l'utilité des massacres, tome II, L'Hermattan, Paris

Jean Toschi Marazzani Visconti 1999
Milosevic visto da vicino, Supplemento al n. 1 (Quaderni Speciali) di «Limes. Rivista Italiana di Geopolitica», pp. 27- 34

Franco Venturini 2013
Le vittime e il potere atroce delle immagini, in «Corriere della Sera» del 22 agosto, pp. 1 e 11

Vittorio Zucconi 1992
Quello sbarco da farsa sotto i riflettori TV, in «la Repubblica» del 10 dicembre


 

Franco Venturini 2013

Conflitti Il commento

le Vittime e il Potere atroce delle Immagini il Peso delle Immagini e l?Impotenza dell?Occidente

L'orrore e l'indignazione, come altre volte, dureranno poco. Tragedia nella tragedia, il potere mediatico della crudeltà umana è diventato un'arma devastante, una atomica dei tempi moderni. Sono state le forze governative a fare macelleria con il gas nervino che possiedono, e ciò senza tenere conto che proprio in questi giorni è in corso una ispezione dell'Onu sull'utilizzo delle armi chimiche in Siria?CONTINUA A PAGINA 11SEGUE DALLA PRIMA Assad si sarebbe dunque sparato sui piedi? Possibile, probabile secondo certi analisti, anzi sicuro secondo i ribelli. I quali però altre volte sono stati colti a fabbricare provocazioni video, e secondo alcuni (compreso l?Onu) possiedono anch?essi gas nervino.Oggi prevale la brutalità delle immagini che fanno il giro del mondo e l?accento viene posto sui bambini assassinati, domani (ma la Russia ha già cominciato) tornerà il tempo delle smentite e delle recriminazioni, del sangue versato non si sa bene da chi ma che comunque sottolinea l?impotenza dell?Occidente davanti alla guerra civile siriana.Il rapporto tra strumenti mediatici e conflitti è antico quanto la propaganda, e precede di molto la nascita di Internet. Per restare ai tempi nostri, non possiamo dimenticare che lo sbarco dei Marines in Somalia fu ripetuto per migliorare l?effetto televisivo, non possiamo cancellare che fu una bomba di assai dubbia paternità a fare strage nel mercato di Sarajevo facendo scattare l?intervento Nato.L?elenco potrebbe continuare a lungo. Non stupisca dunque l?atroce balletto sull?utilizzo di armi chimiche in Siria, nel presupposto che il loro uso da parte di Assad potrebbe «costringere» Obama a fare di più contro il regime di Damasco, mentre l?ipotesi contraria rafforzerebbe dubbi e reticenze che già si nutrono verso le formazioni ribelli di stampo jihadista.L?unico risultato sicuro di questo ennesimo episodio di videostragismo è di riportare la Siria al centro di quella scena mondiale che l?Egitto per sua disgrazia gli contende. Per ricordare che la mattanza siriana ha ormai superato le centomila vittime. Che l?intervento delle milizie sciite di Hezbollah ha rovesciato almeno in parte il rapporto di forze sul terreno a favore di Assad. Che nelle fila dei ribelli prevalgono sempre più nettamente le formazioni islamiste sunnite che si richiamano a Al Qaeda, il che induce alla prudenza i fornitori di armi euro-americani mentre più spregiudicati sono Arabia Saudita e Qatar peraltro in gara tra loro (come in Egitto). La Siria rimane lì, devastata e seduta sull?orlo del cratere. Perché il fuoco che brucia in Siria lentamente ma implacabilmente si estende, minaccia la fragilità libanese, mette a dura prova quella giordana, rischia di riaccendere la miccia multiforme dei Curdi, estende il terreno della battaglia tra sunniti e sciiti all?Iraq, tiene in bilico l?Iran del nuovo presidente Rohani, moltiplica com?è logico le preoccupazioni di Israele.Intanto Stati Uniti e Russia tra una lite e l?altra affermano che occorre negoziare e preparano insieme la conferenza di Ginevra II. Che rischia di essere, semmai sarà, una risposta mediatica organizzata da chi non sa come fermare la strage. Ma almeno senza gas nervino, senza cadaveri, senza l?infinita ferocia di chi uccide uomini, donne e bambini per alzare l?Auditel nelle stanze dei bottoni che possono decidere, ma forse non più, chi vince e chi perde.

                                             * ***

 

Repubblica-Domenica 24 marzo 2013, p. 33

Nella sua opera più famosa, La società dello spettacolo (di cui curammo la prefazione all’ edizione italiana nel 1997), Debord descrive il consumismo che ci siamo appena lasciati alle spalle. Per Debord lo spettacolo «è il cattivo sogno della società incatenata». Ne consegue che «svegliarsi da quest’ incubo è il primo compito che si assegnano i situazionisti».
Oggi che questo evento si è realizzato, che lo spettacolo è andato in frantumi e abbiamo bruscamente riacquistato il contatto con la realtà, l’ impressione che ne traiamo non è di liberazione, quanto piuttosto di disperazione e rimpianto. Cypher, il traditore di Matrix, non chiede in cambio del suo tradimento dei benefici economici: vuole solamente regredire allo stato di incoscienza che caratterizzava la sua vita prima di assumere la fatale pillola rossa, che l’ ha liberato dalle accoglienti illusioni di Matrix per scagliarlo brutalmente nei sotterranei della vita vera, dove si combatte in trincea contro il male, ma a costo di rinunciare a ogni piacere. Conoscere la verità non significa necessariamente schierarsi dalla parte giusta.
Marx come ispiratore di rivolta ha avuto un compito tutto sommato più facile di Debord. Marx aveva come oggetto di studio la prima rivoluzione industriale, e la sua analisi era intrisa di sudore, sfruttamento e dolore. Il consumismo invece non viene percepito come sofferenza, ma come godimento condiviso, redistribuzione del benessere. Se quindi Marx ha buon gioco a connotare di significati negativi il concetto di alienazione, Debord, che è una sorta di Marx del consumismo, prova maggiori difficoltà a farci odiare la contemplazione, che è l’ anello di congiunzione tra alienazione e spettacolo. Anche la contemplazione è passività, ma una passività che non nasce dall’ impotenza bensì dall’ ammirazione. Si contempla la Madonna, si contempla il sacro, si contempla lo spettacolo. Lo spettacolo, inteso come consumismo, ha rappresentato nel nostro recente passato una sorta di sacralità.
Se dunque lo spettacolo è morto non è perché l’ abbiamo combattuto, ma perché le leggi economiche hanno preso un’ altra strada. Alla fine degli anni Settanta nacque il capitalismo finanziario. Il valore non scaturisce più dal lavoro, dalla produzione e dal consumo. Nasce dal mercato, dalla libera contrattazione dei valori azionari. Spazzato via il mondo della produzione reale, lavoro e consumi diventano superflui. Le luci dello spettacolo si spengono ad una ad una e il mondo sembra tornato a uno scenario da prima rivoluzione industriale.
Finito il consumismo, cosa può dunque insegnarci oggi Debord? In realtà sembra che le sue risorse profetiche si rivelino inesauribili. Nel 1988 scrisse
I commentari sulla società dello spettacolo che descrivono lucidamente non la società di allora, ma la realtà di oggi. Ne La società dello spettacolo Debord identificava due forme di spettacolo, legate a due diverse forme di regime politico: lo spettacolo concentrato, proprio delle società totalitarie e dittatoriali, e lo spettacolo diffuso, proprio delle democrazie occidentali dominate dal consumismo. Nei Commentari introduce il concetto di spettacolo integrato, che ha molte caratteristiche in comune con lo spettacolo concentrato, dove «il centro direttivo è ormai diventato occulto». Qui la Mafia non rappresenta più un residuo arcaico del passato, ma il modello economico vincente: «nell’ epoca dello spettacolo integrato, essa appare di fatto come il modello di tutte le imprese commerciali avanzate». Ancora una volta Debord descrive dal passato il nostro presente. Pensiamo al concetto di spettacolo integrato, miscela di stato tollerante e autoritario, come anticipazione del capitalismo autoritario contemporaneo. E pensiamo all’ idea di Mafia come modello di tutte le imprese future. Incomprensibile nel momento in cui viene scritta, quella definizione anticipa in maniera sorprendente un’ opera come Gomorra: la delinquenza non è corruzione, deviazione, ma la matrice stessa della produzione capitalistica.
Repubblica-Domenica, 24 marzo 2013, p. 33
 

 

«Sotto i nostri occhi» - Cronaca di politica internazionale n°125
di Thierry Meyssan.

 
I responsabili dell'Unione Europea si sbagliano completamente sugli attentati islamisti in Europa e le migrazioni verso la UE di genti in fuga dalle guerre. Thierry Meyssan qui dimostra che tutto ciò non è la conseguenza accidentale dei conflitti nel Medio Oriente allargato e in Africa, ma un obiettivo strategico degli Stati Uniti.

 

 
DAMASCO - I dirigenti dell'Unione Europea si trovano improvvisamente a confrontarsi con situazioni impreviste. Da una parte, attentati o tentativi di attentati commessi o preparati da individui che non appartengono a gruppi politici identificati; dall'altra, attraverso il Mediterraneo, un afflusso di migranti, molte migliaia dei quali muoiono alle loro porte.

 
In assenza di analisi strategica, questi due ordini di avvenimenti sono considerati a priori senza relazione tra loro e sono trattati da amministrazioni differenti. I primi afferiscono ai Servizi segreti e alla polizia, i secondi alle dogane e al Ministero della difesa. Essi hanno tuttavia un'origine comune: l'instabilità politica nel Levante e in Africa.

 
L'Unione Europea si è privata dei mezzi per comprendere
Se le accademie militari dell'Unione Europea avessero fatto il loro lavoro, già da una quindicina d'anni avrebbero studiato la dottrina del "grande fratello" statunitense. In effetti, da lunghissimi anni, il Pentagono pubblica ogni sorta di documenti sulla "teoria del caos" improntata alla filosofia di Leo Strauss. Ancora qualche mese fa, un funzionario che avrebbe dovuto essere in pensione da più di 25 anni, Andrew Marshall, disponeva di un budget di 10 milioni di dollari annui per condurre ricerche su questo argomento [1]. Ma nessuna accademia militare della UE ha seriamente studiato questa dottrina e le sue conseguenze. Sia perché si tratta di una forma di guerra barbara, sia perché è stata concepita da un maître à penser delle élites ebraiche statunitensi [2].
Se i politici dell'Unione Europea avessero viaggiato un minimo, non soltanto in Iraq, in Siria, in Libia, nel corno d'Africa, in Nigeria e nel Mali, ma anche in Ucraina, avrebbero visto con i loro stessi occhi l'applicazione di questa dottrina strategica. Ma si sono accontentati di venire a parlare in un edificio nella zona verde di Bagdad, su una strada a Tripoli o sulla piazza Maidan di Kiev. Essi ignorano ciò che vivono le popolazioni, e su richiesta del loro "grande fratello" hanno spesso chiuso le loro ambasciate così che si sono privati di occhi e orecchie sul posto. Meglio ancora, essi hanno sottoscritto - sempre su richiesta del loro "grande fratello" - delle forme di embargo, in modo che nemmeno alcun uomo d'affari andrà più sul posto a vedere che cosa succede.

 
Il caos non è un accidente, è l'obiettivo.
Contrariamente a quel che ha detto il presidente François Hollande, la migrazione dei libici non è la conseguenza di una "mancanza di seguito" dell'operazione "Protettore unificato", bensì il risultato ricercato attraverso questa operazione nella quale il suo Paese giocava un ruolo guida. Il caos non si è creato perché i "rivoluzionari libici" non hanno saputo accordarsi tra loro dopo la "caduta" di Muammar Gheddafi: esso era l'obiettivo strategico degli Stati Uniti. Ed è stato raggiunto. Non c'è mai stata una "rivoluzione democratica" in Libia, ma una secessione della Cirenaica. Non c'è mai stata applicazione del mandato dell'ONU che mirava a 'proteggere la popolazione', ma c'è stato il massacro di 160.000 Libici, tre quarti dei quali civili, sotto i bombardamenti dell'Alleanza (cifre della Croce Rossa internazionale).
 
Ricordo di essere stato sollecitato a far da testimone, prima che integrassi il governo della Jamahirya araba libica, in occasione di un incontro a Tripoli tra una delegazione statunitense e dei rappresentanti libici. In occasione di quella lunga conversazione, il capo della delegazione USA ha spiegato ai suoi interlocutori che il Pentagono era pronto a salvarli da morte certa, ma esigeva che gli fosse consegnata la Guida. Ha aggiunto che, quando Gheddafi fosse morto, la società tribale non sarebbe arrivata ad approvare un nuovo capo prima di almeno una generazione, e il Paese sarebbe allora sprofondato in un caos mai visto prima. Ho riferito questo colloquio in numerose occasioni e non ho cessato, dal linciaggio della Guida, nell'ottobre 2011, di predire ciò che avviene oggi.
 
Leo Strauss (1899-1973) era uno specialista della filosofia politica. Costituì intorno a sé un piccolo gruppo di allievi, la maggior parte dei quali lavorarono poi a lungo per il segretariato della Difesa. Questi formarono una sorta di setta e ispirarono la strategia del Pentagono.
 
La "teoria del caos"
Quando, nel 2003, la stampa statunitense ha cominciato a evocare la "teoria del caos", la Casa Bianca ha risposto evocando un "caos costruttivo", lasciando intendere che si sarebbero distrutte delle strutture oppressive affinché la vita potesse sgorgare senza ostacoli.
Ma né Leo Strauss né il Pentagono, fino a quel momento, avevano mai utilizzato questa espressione. Al contrario, secondo loro, il caos doveva essere tale che niente potesse strutturarsi, tranne la volontà del Creatore dell'Ordine nuovo, gli Stati Uniti [3].
Il principio di questa dottrina strategica può essere così riassunto: il modo più semplice per saccheggiare le risorse naturali di un Paese sul lungo periodo non è occuparlo, ma distruggere lo Stato. Senza Stato, niente esercito. Senza esercito nemico, nessun rischio di sconfitta. Da quel momento, l'obiettivo strategico delle forze armate USA e dell'alleanza che esse guidano, la NATO, consiste esclusivamente nel distruggere Stati. Ciò che accade alle popolazioni coinvolte non è un problema di Washington.
Questo progetto è inconcepibile per degli Europei, i quali, dalla guerra civile inglese, sono stati convinti dal Leviatano di Thomas Hobbes che è necessario rinunciare a certe libertà, o addirittura accettare uno Stato tirannico, piuttosto che venire sprofondati nel caos.

 
L'Unione Europea nega la propria complicità con i crimini USA
Le guerre in Afghanistan e in Iraq sono già costate la vita a 4 milioni di persone [4]. Sono state presentate al Consiglio di sicurezza come risposte necessarie "per legittima difesa", ma oggi si ammette che erano state pianificate ben prima dell'11 settembre in un contesto molto più ampio di "rimodellamento del Medio Oriente allargato", e che le ragioni invocate per scatenarle non erano che invenzioni di propaganda.
Si usa riconoscere i genocidi commessi dal colonialismo europeo, ma sono rari coloro che oggi ammettono questi 4 milioni di morti malgrado gli studi scientifici che li attestano. Il fatto è che i nostri genitori erano "cattivi", ma noi siamo "buoni" e non possiamo essere complici di questi orrori.
È cosa comune prendersi gioco di questo povero popolo tedesco che conservò fino alla fine la fiducia nei suoi dirigenti nazisti e soltanto dopo la sconfitta prese coscienza dei crimini commessi a suo nome. Ma noi agiamo esattamente allo stesso modo. Conserviamo la nostra fiducia nel nostro "grande fratello" e non vogliamo vedere i crimini nei quali ci coinvolge. Sicuramente, i nostri figli si faranno beffe di noi...

 
Gli errori di interpretazione dell'Unione Europea
- Nessun dirigente europeo occidentale, assolutamente nessuno, ha osato considerare pubblicamente che i rifugiati provenienti da Iraq, Siria, Libia, corno d'Africa, Nigeria, Mali, non fuggono da dittature, ma dal caos in cui noi abbiamo volontariamente, ma incoscientemente, affondato i loro Paesi.
- Nessun dirigente europeo occidentale, assolutamente nessuno, ha osato considerare pubblicamente che gli attentati 'islamisti' che toccano l'Europa non sono l'estensione delle guerre del Medio Oriente allargato, ma sono commissionati dagli stessi che hanno commissionato il caos in quella regione. Noi preferiamo continuare a pensare che gli 'islamisti' ce l'abbiano con gli ebrei e con i cristiani, mentre l'immensa maggioranza delle loro vittime non sono né ebree né cristiane, ma musulmane. Imperturbabili, noi li accusiamo di promuovere la "guerra di civiltà", quando questo concetto è stato forgiato in seno al Consiglio di sicurezza nazionale degli USA e resta estraneo alla loro cultura [5].
- Nessun dirigente europeo occidentale, assolutamente nessuno, ha osato considerare pubblicamente che la prossima tappa sarà l'«islamizzazione» delle reti di diffusione delle droghe sul modello dei Contras del Nicaragua che vendevano droga nella comunità nera della California con l'aiuto e sotto gli ordini della CIA [6]. Noi abbiamo deciso di ignorare che la famiglia Karzai ha ritirato la distribuzione dell'eroina afghana alla mafia kosovara e l'ha trasmessa a Daesh [7].
 
La vice segretaria di Stato, Victoria Nuland, e l'ambasciatore statunitense a Kiev, Geoffrey R. Pvatt. In una intercettazione telefonica rivelata dai partigiani della legalità, lei gli dice di voler 'fottere' [!] l'Unione Europea.

 
Gli Stati Uniti non hanno mai voluto che l'Ucraina si unisse alla UE
Le accademie militari dell'Unione Europea non hanno studiato la "teoria del caos" perché è stato loro vietato. Quei pochi insegnanti e ricercatori che si sono avventurati su quel terreno sono stati pesantemente sanzionati, mentre la stampa ha etichettato come 'cospirazionisti' gli autori civili che se ne interessavano.
I politici dell'Unione Europea pensavano che gli avvenimenti di piazza Maidan fossero spontanei e che i manifestanti si augurassero di abbandonare l'orbita autoritaria russa e di entrare nel paradiso della UE. Sono rimasti stupiti dalla pubblicazione della conversazione della sottosegretaria di Stato, Victoria Nuland, che alludeva al proprio segreto controllo degli avvenimenti e affermava che il suo obiettivo era di 'fottere la UE' [!] [8]. Da quel momento, non hanno più capito niente di quel che stava succedendo.
Se avessero lasciato libera la ricerca nei loro paesi, avrebbero capito che intervenendo in Ucraina e organizzandovi il "cambio di regime", gli Stati Uniti si assicuravano che l'Unione Europea restasse al loro servizio. La grande angoscia di Washington, dal discorso di Vladimir Putin alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2007, è che la Germania si renda conto di dove stia il proprio interesse: non con Washington, ma con Mosca [9]. Distruggendo progressivamente lo Stato ucraino, gli USA Tagliano la principale via di comunicazione tra l'Unione Europea e la Russia. Potreste girare e rigirare in tutti i modi la successione degli avvenimenti, ma non potreste trovare un altro senso. Washington non si augura che l'Ucraina si unisca alla UE, come attestano i propositi della signora Nuland. Il suo unico scopo è di trasformare questo territorio in una zona pericolosa da attraversare.
 
L'8 maggio 2007 (anniversario della caduta del regime nazista tedesco), a Ternopol (ovest dell'Ucraina), dei gruppuscoli nazisti e islamisti creano un sedicente Fronte anti-imperialista al fine di lottare contro la Russia. Organizzazioni da Lituania, Polonia, Ucraina e Russia vi partecipano, tra cui i separatisti islamisti di Crimea, Adighezia, Daghestan, Inguscezia, Cabardino-Balcaria, Karačaj-Circassia, Ossezia, Cecenia. Non potendo partecipare a causa delle sanzioni, Dokka Umaroy invia un contributo. Il Fronte è presieduto da Dmytro Yarosh, divenuto oggi consigliere del ministero della difesa ucraino.

 
La pianificazione militare USA
Eccoci dunque di fronte a due problemi che si sviluppano molto rapidamente: gli attentati 'islamisti' non sono che all'inizio. Le migrazioni sono triplicate nel Mediterraneo nell'arco di un solo anno.
Se la mia analisi è esatta, nel corso del prossimo decennio vedremo raddoppiare gli attentati 'islamisti' legati al Medio Oriente allargato e all'Africa e gli attentati 'nazisti' legati all'Ucraina. Si scoprirà allora che al-Qa'ida e i nazisti ucraini sono collegati fin dal loro congresso comune a Termopol (Ucraina) nel 2007. In realtà, i nonni degli uni e degli altri si conoscono dalla seconda Guerra mondiale. I nazisti avevano allora reclutato dei musulmani sovietici per lottare contro Mosca (era il programma di Gerhard von Mende all'Ostministerium). Alla fine della guerra, gli uni e gli altri erano stati recuperati dalla CIA (il programma di Frank Wisner con l'AmComLib) per condurre delle operazioni di sabotaggio in URSS.
Le migrazioni nel Mediterraneo, che per il momento sono soltanto un problema umanitario (200.000 persone nel 2014), continueranno a crescere fino a divenire un grave problema economico. Le recenti decisioni della UE di andare ad affondare i barconi dei trafficanti in Libia non serviranno a bloccare le migrazioni, ma a giustificare nuove operazioni militari per mantenere il caos in Libia (e non per risolverlo).
 
Tutto ciò provocherà disordini importanti nell'Unione Europea che pare oggi un'oasi di pace. Per la classe dirigentte di Washington non si tratta di distruggere questo mercato che continua a restarle indispensabile, ma di assicurarsi che non si ponga mai in competizione con essa, e di limitare il suo sviluppo.
Nel 1991, il presidente Bush padre incaricò un discepolo di Leo Strauss, Paul Wolfowitz (allora sconosciuto al grande pubblico), di elaborare una strategia per l'era post-sovietica. La "Dottrina Wolfowitz" spiegava che la supremazia degli USA sul resto del mondo esige, per essere garantita, di imbrigliare l'Unione Europea [10]. Nel 2008, all'epoca della crisi finanziaria negli Stati Uniti, la presidente del Consiglio economico della Casa Bianca, la storica Christina Rohmer, spiegò che l'unico mezzo per riportare a galla le banche era di fermare i paradisi fiscali dei Paesi terzi, e poi provocare dei disordini in Europa in modo che i capitali rifluissero verso gli Stati Uniti. In definitiva, Washington si propone oggi di far alleare il NAFTA e l'Unione Europea, il dollaro e l'euro, e di abbassare gli Stati membri dell'Unione al livello del Messico [11].
Sfortunatamente per loro, né i popoli dell'Unione Europea, né i loro dirigenti hanno coscienza di quel che il presidente Barack Obama prepara loro.

 
NOTE
[1] «Après 42 ans, Andy Marshall quitte le Pentagone», Réseau Voltaire, 7 gennaio 2015.
[2] "Selective Intelligence", Seymour Hersh, The New Yorker, 12 Maggio 2003.
[3] "Stumbling World Order and Its Impacts", by Imad Fawzi Shueibi, Voltaire Network, 5 Aprile 2015.
[4] «4 millions de morts en Afghanistan, au Pakistan et en Irak depuis 1990», par Nafeez Mosaddeq Ahmed, Traduction Maxime Chaix, Middle East Eye (Royaume-Uni), Réseau Voltaire, 11 aprile 2015.
[5] «La "Guerre des civilisations"», par Thierry Meyssan, Réseau Voltaire, 4 giugno 2004.
[6Dark Alliance, The CIA, the Contras and the crack cocaine explosion, Gary Webb, foreword by Maxime Waters, Seven Stories Press, 1999.
[7] «La famille Karzaï confie le trafic d'héroïne à l'Émirat islamique», Réseau Voltaire, 29 novembre 2014.
[8] «Conversation entre l'assistante du secrétaire d'État et l'ambassadeur US en Ukraine», par Andrey Fomin, Oriental Review (Russie), Réseau Voltaire, 7 febbraio 2014.
[9] «La gouvernance unipolaire est illégitime et immorale», par Vladimir Poutine, Réseau Voltaire, 11 febbraio 2007.
[10] Il documento è tuttora classificato, ma il suo contenuto è stato rivelato in «US Strategy Plan Calls For Insuring No Rivals Develop» da Patrick E. Tyler, New York Times dell'8 marzo 1992. Il quotidiano pubblica nondimeno dei vasti estratti a pagina 14: «Excerpts from Pentagon's Plan: "Prevent the Re-Emergence of a New Rival"». Ulteriori informazioni supplementari si ritrovano in «Keeping the US First, Pentagon Would preclude a Rival Superpower» a cura di Barton Gellman, The Washington Post dell'11 marzo 1992.
[11] «Crisi dell'euro e smantellamento dell'Unione Europea», di Jean-Claude Paye, Rete Voltaire, 9 luglio 2010.

 

 
Questa "cronaca settimanale di politica estera" appare simultaneamente in versione araba sul quotidiano"Al-Watan"(Siria), in versione tedesca sulla "Neue Reinische Zeitung", in lingua russa sulla "Komsomolskaja Pravda", in inglese su"Information Clearing House", in francese sul "Réseau Voltaire".
Thierry Meyssan, 26 aprile 2015.

 
Traduzione a cura di Luisa Martini.